News

Land Art: quando l’arte accusa la politica

E’ dedicata alla campagna elettorale l’ultima opera di “land art” dell’artista veneto Dario Gambarin che si è ispirato alla Rosa dei venti, simbolo portafortuna inteso come protezione e guida per non perdere l’orientamento, accompagnato da una scritta “Il voto ve lo meritate!?…”. “Non c’è bisogno di aggiungere altro” dice l’artista e si chiede “ma i nostri politici hanno preparazione, qualità, capacità, competenza? Stop alle parole, basta promesse, chiediamo responsabilità e senso di realtà. Perché se alle loro teorie non si adeguano i fatti tanto peggio per i fatti”. L’opera di 15.000 mq si trova a Castagnaro (Verona), realizzata a mano libera con trattore e aratro su di un campo di stoppie di grano trebbiato. Gambarin non è nuovo alle opere di ‘land art’ , dedicandone alcune a temi ecologici, come COP26 Glasgow, Greta Thunberg, l’Urlo della terra, Water, a personalità di spicco tra cui Papa Francesco, Leonardo da Vinci, Dante, Beethoven, Dostoevskij, Fidel, Mandela, etc. (Ph Gambarin)

L’articolo Land Art: quando l’arte accusa la politica proviene da Radio Company.

No Comments

    Leave a Reply