MondoRosa

Coppia, un accordo pre-San Valentino

 
Il 14 febbraio? E’ solo un fatto di marketing, che ha ben poco a che fare con il romanticismo. La pensa così una percentuale significativa di donne, mentre sono ancora molti gli uomini che apprezzano San Valentino come momento “di cuore”. La festa comunque suscita tra loro una certa apprensione, specie all’idea di dimenticarsene e di deludere le aspettative della partner. Per questo, alcuni esperti suggeriscono alla coppia di fare una sorta di patto “pre-14 febbraio” per mettere bene in chiaro desideri e aspettative, ed evitare in questo modo delusioni e motivi di litigio.

Negli Stati Uniti si sono mossi addirittura gli psicologi della Northwestern University, invitando gli innamorati a un accordo con il partner prima dell’arrivo del 14 febbraio. “C’è chi vuole una dozzina di rose e chi si accontenta di una telefonata, l’importante è capire prima i desideri del partner” spiega la psicologa clinica Lisa Gordon, psicologa clinica. In effetti, tanto più alte sono le aspettative, tanto maggiore è la possibilità di incappare in una delusione: per questo è opportuno allineare i desideri, riflettendo magari su precedenti esperienze. Se poi le cose non vanno come ci si sarebbe aspettati, meglio fare buon viso a cattivo gioco: la mancanza di gesti speciali non vuol necessariamente significare mancanza di amore: può essere semplicemente l’umore di quella particolare giornata. L’importante è lasciarsela alle spalle, senza guastare le altre 364 di rapporto sereno.

In ogni caso, nel nostro Paese sono gli uomini ad “amare” maggiormente la festa di San Valentino. Secondo un sondaggio realizzato da PromoQui.it, il 61% infatti è convinto che si tratti di una ricorrenza tutto sommato romantica, anche se non manca un 19% in apprensione all’idea di dimenticarsi della data e di avere problemi con la dolce metà. Decisamente più scettiche le donne: la maggioranza pensa che sia una festa soprattutto commerciale (56%), ma continua a confidare in una certa quota di romanticismo un congruo 53%. In ogni caso, il 44% delle persone del gentil sesso celebrerà in qualche modo la ricorrenza (contro il 65% degli uomini)). Il 26% delle signore si limiterà a ignorarla (contro il 19% dei signori e dei giovanotti).

Il 14 febbraio rimane una giornata da celebrare con la persona con cui si vive, moglie-compagna o marito-compagno che sia (per il 73% delle donne e l’81% degli uomini) ma non necessariamente con la fidanzata-il fidanzato (opzione scelta solo dal 37% delle donne e 33% degli uomini). Anzi: per 10% di donne preferisce condividerla con il proprio animale domestico, perché solo lui è per sempre.san_valentino_cuori

No Comments

    Leave a Reply